Deborah Da Luca

Deborah De Luca is an exception to the rule in this business and has made it to the top on her own.

Hi Deborah thanks for joining us. You’ve firmly positioned yourself as one of the leading figures in techno this year. Was there a point in your career when things suddenly took off? 

Deborah De Luca: It’s the fruits of a gradual process! 9 years of small steps and commitment seemed to have had results, even though I hope is more still to achieve .. there are no limits or goals when it comes to music and passion!

Can you remember playing your first gig? 

Deborah De Luca: The first time I ever played was in Italy. When I got the wage, the owner of the club gave me the same amount as I got when I was a dancer. When asked him why, he replied “why did you think you were worth more than that?” After 3 years he called me back pretending to be my “friend” (trying to renegotiate) Obviously I never went back, I think I’m a little too much for him now!

Who were your inspirations when you started DJ-ing?

Deborah De Luca: Shortly before commencing, in Riccione, on an evening in the Easter period (where I was the dancer), they booked Scarlett Etienne. I was blown away by her look, clothes, visage, everything. She was my ideal DJ (10 years ago).

Your DJ sets are full of 4 to the floor charged techno. Do you think coming from a dance background gives you a better instinct on what makes people move? 

Deborah De Luca: Having danced professionally does not give me an edge I don’t think, even though I myself believed so when I started. Making music is different from playing it, or dancing. What I put into my DJ is different when it comes to the studio, for example. To explain a little better, I love to play techno and see the audience’s reaction, but when it comes to productions in the studio I create in a more melodic and deep way, not so tough in the sounds.

In the studio I love to keep things clean and stay away from over filling with effects so tend to leave it simple, halfway between deep and techno but it is far away from the tech house.

You’re known for being fiercely independent and not wanting to join the roster of any agency, so all clubs have to contact you directly. Can you ever see this changing? 

Deborah De Luca: I’ve very much followed my own path, it’s been nine years of working as a woman in a world of men. My choice of being independent is definitely part of my character, and although some view this as a choice of courage, others they make their own assumptions…

I know very well the pros and cons of this decision, and I accept them.  For now though I’m working this way, but if that’s not to say that I won’t change my mind in future.

Agents have received a lot of bad press at the moment for being over demanding. With this is mind, would you advise other upcoming artists to try the same route as you? 

Deborah De Luca: The agent or agency has to deal with various artists, various proposals, situations in which music does not always prevail, but it’s more often to the machine behind it all. I have chosen to work alone, but I wouldn’t say everyone should try to follow what I have done. This business requires connections and i’ve preferred to make them myself, so I’m the exception to the rule with all this, if you will.

You’ve amassed an extraordinary following on social media, with over 1 million world-wide followers on Facebook. Can you share some tips on how you managed to do this?  

Deborah De Luca: Facebook, Instagram and various social media platforms are for us an ever-open showcase on the busiest street in the world, and all for free! And this concept has been clear from the times of ‘Myspace’, the music platform where I started. I interacted with people from the start and people were, ‘intrigued’, and I think this has continued and has definitely played a part of my success. I’m interested in people’s opinions, commenting on them, listening to them, and showing them the normal part of life as well as simply the nightlife side, which is what I do.

You’ve founded your own label ‘Sola Mente’ and have currently got a release out with Nick Curly on the remix. What promoted you to do it? 

Deborah De Luca: Sola Mente Records was born because I wanted and needed to put out my music without having to wait for the “yes” from labels that often make you wait for months in queues, by which time the sound or idea to released the track at that moment may have passed.

Nick Curly’s remix is the latest release of my label, it’s been a good collaboration between two different types of music, mine and his. I love mixing things up to create new ideas! My favourite production of my own is ‘Deep Inside Me, perhaps my most well known track. I like it for several reasons, firstly because it was a defining production moment for me, but above all, it was completely different from the genre that I play in my gigs. The track born literally as if it was a part of my soul! This to me proves that we are a mixture of emotions all as important as the other one, which are always moving and always changing.

C-U is a site that supports new talent. Are there any upcoming artists on your label who you think have a particularly exciting future ahead of them?

Deborah De Luca: I follow Hungarian and Bulgarian techno music. The eastern Europe moment is very interesting at the moment, people like David Temessi, 2Bee, Sopik, Volodia Rizak, I keep an eye on these!

You’ve played London before on a few occasions, are you looking forward to coming back and playing Familia at Egg tomorrow?

Deborah De Luca: London is a magic city for music, and especially EGG, it’s one of my favourite clubs in the world!

Finally you’ve said that the wish to provide for your family so is that driving force behind your success? And have your family ever attended one of your DJ gigs yet?

Thanks to this job I managed to give a home to my family and that makes me very proud, and more so of my work, My parents basically do not understand what I’m doing, my Mum still asks me if I sing!

Catch Deborah Da Luca tomorrow playing at Egg London

Facebook info / Resident Advisor

En Italiano

La tua è una storia che è di inspirazione, hai raggiunto la fama e ora sei una degli artisti più importanti nel mondo della techno, arrivando a suonare nelle arene più grandi del mondo insieme ad artisti di grande calibro nel settore. C’è stato un momento particolare che ha segnato la svolta per te, aprendoti di fatto la strada verso il successo, o si tratta semplicemente di un lavoro costante fatto in tour e che alla fine ha dato i suoi frutti?

Deborah De Luca: È il frutto di una crescita graduale e faticosa! 9 anni di piccoli passi e di impegno in questo mondo oggi sembrano aver portato i loro frutti..anche se mi auguro di raccoglierne altri..non ci sono limiti ne traguardi quando si tratta di musica e passione!

Hai un seguito straordinario sui social, oltre un 1 milione di followers su Facebook in tutto il mondo, che a dirla tutta, sono una cifra ragguardevole per un artista techno. I Social Media per certi versi sono ancora un fenomeno nuovo. Sei rimasta sorpresa quando hai iniziato a vedere che le persone si interessavano a te su Facebook commentando i tuoi post?

Deborah De Luca: Facebook, Instagram ed i vari social sono per noi una vetrina sempre aperta sulla strada principale più trafficata e di passaggio del mondo..per giunta gratis.E questo concetto mi è stato chiaro dai tempi di “myspace”..piattaforma musicale dalla quale sono partita.Da subito mi sono interfacciata con le persone “incuriosite” da me e ancora oggi quel legame resta intatto.Credo che una parte del mio “successo” sia dovuto a questa parte del mio
Modo di essere..interessarmi al parere delle persone, commentare, ascoltare, e mostrare loro anche la mia parte di vita “normale” oltre che quella notturna.

Cosa ne pensi di locali come il Berghain che vieta l’ingresso dei cellulari all’interno per evitare che vengano registrate le esibizioni? E’ una scelta giusta o sbagliata, o forse pensi che entrambe le posizioni abbiano dei punti di vista condivisibili?

Deborah De Luca: I cellulari nell’era dei social sono diventati croce e delizia del mondo della notte.Se da una parte portano in giro per il globo alcuni club come i Berghain (che tutto il mondo conosce ma che in molti non ci sono mai andati davvero) dall’altra fanno dimenticare il concetto di musica da ascoltare tenendo gente in pista che fissa lo schermo dello smartphone a controllare i Like della foto postata e non a godersi il set del dj.
Io che sono un po’ figlia dei social spero nel ridimensionamento di questa fissa del post o della “storia” da pubblicare, almeno non durante il mio set, ma poco dopo! 😬

Hai dichiarato di aver dato vita ad una tua casa discografica così da avere la libertà di realizzare i pezzi quando vuoi piuttosto che essere vincolata alle decisioni di una casa discografia che deve pianificare quando rilasciare un brano, scelta comprensibile tra l’altro. “Sola Mente” ha ottenuto successo nella classifica di Beatport e al momento hai un nuovo brano in uscita con Nick Curly nella versione remix. Qual è il brano preferito o l’EP preferito finora pubblicato con la tua casa discografica, sempre se ne hai uno e nel caso cosa lo rende così importante per te?


Deborah De Luca: La Sola_mente Records nasce perché avevo voglia e bisogno di divulgare la mia musica senza dover aspettare il “si” di etichette che spesso ti fanno aspettare mesi in coda per poi far passare il momento di quel tipo di suono o idea..

il remix di Nick Curly è l’ultima uscita della mia label, è stata una bella collaborazione tra due diversi tipi di musica..la mia e la sua..ed io amo mischiare per far nascere nuove idee!

Il pezzo che preferisco delle mie personali produzioni è “Deep Inside me” ..che è anche il pezzo con il quale sono più ricordata.La preferisco per vari motivi, momento storico in cui l’ho fatta, suono, ma soprattutto il fatto che era completamente diversa dal genere che suonavo nelle serate, ma nata come fosse parte della mia anima! Questo a dimostrare che siamo un misto di sensazioni mia uguali e sempre in procinto di cambiare!

Ci sono nuovi artisti emergenti nella tua casa discografica che pensi che abbiano dinanzi un futuro interessante?


Deborah De Luca: Credo molto nella techno Ungherese e Bulgara. L’est Europa al 
Momento sta tirando fuori produttori molto interessanti come David Temessi, 2Bee, Sopik… io tengo d’occhio questi!

I tuoi DJ set hanno un’impronta marcatamente techno, fatti apposta per tenere fisse le persone in pista. Dal momento che anche tu hai un passato dance prima di diventare una DJ, pensi di avere un’inclinazione naturale nel sapere come far divertire le persone in pista?

Deborah De Luca: L’aver fatto la ballerina non mi da un vantaggio, anche se io stessa credevo di sì quando ho iniziato. Fare musica é diverso da suonarla, o ballarla.

Ciò che metto nelle mie serate non è ciò che ballerei io, ne tanto meno ciò che riesco a produrre in studio. Per spiegarmi meglio: amo suonare techno e amo la reazione del pubblico, ma ciò che in studio riesco a produrre è molto più melodico e deep, meno duro ecco.

Stessa cosa vale in studio, dove amo mettere una bella cassa forte e pulita ma non amo riempire la traccia di effetti è suoni..tendo a lasciarla semplice, una mezza via tra deep e techno che però sta molto lontana dalla tech house


Sei tu a decidere quali pezzi suonare o ti lasci influenzare dall’atmosfera che si crea durante la serata?

Deborah De Luca: Io metto sempre ciò che mi piace, non mi faccio influenzare da nulla.
Solo a volte riesco a percepire dal pubblico che a differenza di altri può predilige più cassa o più melodia, e allora seguo una linea dritta piuttosto che fare un percorso, ma sempre di musica che mi piace!

Cosa ti ha spinto a comprarti da sola tutte le attrezzature che ti servivano per suonare? Riesci a ricordare la prima volta che hai messo su un tuo brano?

Deborah De Luca: L’attrezzatura ogni dj la compra, ma nella maggior parte dei casi resta a prendere polvere xche dopo che fai serate, distrutto, difficilmente accendi i lettori anche a casa nel tempo libero!La prima volta che ho messo un mio pezzo fatto da me ero a Genova, in un piccolo club, 6 anni fa. Quando finì la pausa, ripartì la cassa e la posta esplose, feci uno dei sorrisi più belli mai fatti.

Puoi raccontarci qualcosa della tua prima volta da DJ in un locale? Dove si sono tenute le tue prime esibizioni e chi suonava con te- ricordi qualche momento in particolare magari insieme alle persone con cui suonavi?

Deborah De Luca: La prima volta suonai in Italia.

Quando andai a prendere la busta, il proprietario mi diede la stessa cifra che mi

Pagava per ballare.Quando gli chiedi spiegazioni, mi rispose “perché pensavi di valere di più?” ..a distanza di 3 anni mi richiamó ricordandomi di essere mio “amico” (voleva mercanteggiare il cachet).Ovviamente non ci sono andata e mai ci ritornerò.
..perchè penso di valere troppo per lui! 😬

Chi erano le tue fonti di ispirazione quando hai intrapreso la tua carriera come DJ e adesso sono sempre le stesse?


Deborah De Luca: Poco prima di iniziare, a Riccione, in una serata nel periodo di Pasquetta (dove io facevo la ballerina),a suonare chiamarono Scarlett Etienne.Ne rimasi folgorata.canottiera, coda, viso pulito.

Lei era il mio ideale di dj.

(10 anni fa)

Sei famosa per essere una persona fortemente indipendente tanto da non voler entrare a far parte di nessuna agenzia, per cui i diversi locali in cui suoni ti contattano direttamente. Pensi di poter cambiare idea in futuro o continuerai per questa strada dal momento che le cose ti stanno andando bene?

Deborah De Luca: Tengo molto al mio percorso, a questi 9 anni passati a farmi strada da donna sola in un mondo di uomini.

La mia scelta di essere indipendente fa parte del mio carattere, e sebbene per alcuni è una scelta di coraggio, per altri è sintomo di presunzione.
Io conosco benissimo pro e contro di questa decisione è li accetto.

Per adesso senti di non voler in nessun modo cambiare idea, poi io non metto limite al futuro, solo gli stupidi non cambiano mai idea!

Gli agenti al momento non godono di una buona reputazione perché tendono ad essere troppo esigenti con i loro artisti, pertanto è una scelta piuttosto comune la tua. Consiglieresti ai nuovi artisti emergenti di seguire il tuo stesso percorso? Devi esserti imbattuta in alcuni promotori senza scrupoli vero? Ci vuole un certo carattere per affrontare determinati promotori vero?


Deborah De Luca: L’agente o l’agenzia ha comunque a che fare con vari artisti, varie proposte, situazioni in cui non sempre prevale la musica ma spesso i meccanismi che stanno alle spalle di alcuni personaggi.

Non consiglierei a nessun dj che intraprende adesso la carriera, di lavorare da solo come me perché sarebbe esiliato da questo mondo che esige collegamenti con tutti e qualcuno che ti rappresenta.

Io sono l’eccezione che conferma la regola

Hai già suonato a Londra in diverse occasioni, non vedi l’ora di tornarci per suonare al Familia all’Egg?

Deborah De Luca: Londra è una città magica per la musica, e in particolare l’EGG è uno dei miei club preferiti nel mondo!

Quando non lavori, cosa piuttosto rara, ma quando sei libera, come deve essere la tua serata ideale?
Quando non lavoro, la mia serata è a casa con i miei cani e i miei più cari amici..e alle 23 a letto! Sono una dj quando lavoro, ma nel tempo libero sono la più normale delle persone!

Hai una routine quotidiana quando sei qui in Italia o cambi ogni giorno?

Deborah De Luca: A differenza di molti, io amo la routine, amo le abitudini, amo fare le stesse cose.Forse perché spesso mi è capitato di non potermi permettere impegni ripetuti lo stesso giorno perché per i vari tour difficilmente sono a casa gli stesso giorni..

Ora che gestisco il mio lavoro meglio, dandomi un massimo di date, mi capita di essere a casa il martedì e mercoledì sempre, ed in quei giorni io organizzo quelle cose normAli che tutti fanno ma che io raramente mi sono potuta permettere, come il cinema, un corso di cucina o una passeggiata per negozi con le amiche!

Hai sempre affermato che il desiderio di voler aiutare la tua famiglia è stato la vera forza motrice dietro il tuo successo, la tua famiglia è mai venuta a vederti in una delle tue tappe e se si, come è stato averli lì con te?


Deborah De Luca: Grazie a questo lavoro sono riuscita a dare una casa alla mia famiglia e questo mi rende molto orgogliosa, più del lavoro stesso...ma di base i miei genitori non è che hanno capito bene che lavoro io faccia, mamma ancora mi chiede se canto!

Catch Deborah Da Luca tomorrow playing at Egg London

Facebook info / Resident Advisor

6K Shares

Tags:

ads
  • Mark Betteridge

    Mark Betteridge is C-U's owner and founder. C-U was formed to support up and coming artists in the underground and promote genres that were being ignored by the dance music media.